logo_cabecera_sinDB.jpg

Settore Adulti

 

Come si evince dal nostro Statuto “la spiritualità pasquale, carisma del Movimento, si propone di comprendere, sentire, attuare ed irradiare sempre meglio la Resurrezione”.
 
Il raggiungimento di questi obiettivi è frutto della combinazione di due elementi, uno personale e  uno comunitario, che partono da un’esigenza di approfondimento e formazione  per diventare carità personale nel servizio ai fratelli, specie i più bisognosi.
 
Nella realizzazione pratica, a parte quanto può essere realizzato dal Settore Giovani e dal Settore Volontariato, che, nel ruolo specifico che li caratterizza, hanno un iter formativo ed operativo loro proprio (perciò la loro differenziazione all’interno dell’unico Movimento TR), tutto il resto è di competenza del Settore Adulti, che si sforza di promuovere, e rendere attuabile dai singoli, uno stile pasquale di vita dove non c’è posto per la tristezza e lo scoraggiamento.
 
Essendo gli adulti la componente prevalente all’interno del Movimento in generale, come anche nei singoli Cenacoli locali, gli Ambiti nei quali il TR si è suddiviso nel tempo, per questi altro non sono che il tramite per realizzare tutte le iniziative organizzate nel corso dell’anno. Maggiore è la collaborazione ed interazione tra questi Ambiti, più ne traggono giovamento tutti i tierrini.
 
E’ il caso degli incontri locali, mensili o quindicinali, di formazione e spiritualità, come anche di quelli generali in cui tutto il TR è chiamato a raccolta (curati, in particolare, dall’Ambito Formazione), delle varie celebrazioni della Via Lucis e dei vari momenti di preghiera (curati, principalmente, dall’Ambito Liturgico), delle iniziative di vario genere a favore delle famiglie e del loro ruolo nel Movimento e nella Chiesa (curate, in primis, dall’Ambito Famiglia), dello scambio culturale ed informativo (proposto di continuo e con le moderne tecnologie dal competente Ambito Comunicazione), fino all’elaborazione artistica delle tematiche trattate ed all’organizzazione di momenti conviviali, per noi che “apparteniamo al popolo della festa” (a cura dell’Ambito Artistico-ricreativo).
 

Tutto tende alla realizzazione della finalità del Movimento, che è quella di “educare alla cultura della vita, per operare là dove il Risorto ci chiama, nell’esperienza familiare, professionale, sociale ed ecclesiale”: con l’atteggiamento della gioia pasquale coltivata nel cuore che ci spinge a vivere in modo straordinario l’ordinario. 
 
Questa finalità, fatta propria dai singoli che chiedono di far parte del TR, attraverso la richiesta dell’Impegno col Risorto,  è condivisa anche da tutti quelli che partecipano, a qualsiasi titolo, alla vita del TR ed alle sue attività ed iniziative.
 

CO.RI: CONSACRATE DEL RISORTO

Sono donne che, nel seno del movimento ecclesiale laicale TR, mediante la promessa di amore povero, casto e ubbidiente,
  • vivono pienamente lo spirito del TR che si ispira al carisma dell'evento pasquale;
  • accolgono come dono il privilegio di porsi alla sequela di Cristo, consapevoli di aver già ricevuto il Dono dell'esistenza e del battesimo,
  • dedicano al Padre tutta la loro vita in atteggiamento di adorazione, lode, rendimento di grazie e servizio a Dio
  • vivono il dono della femminilità come modalità alta di espressione. Sono affascinate dall’invisibile Presenza che tutto attrae e impostano la propria vita di relazione con delicatezza e fermezza, con tenerezza e fortezza, con compostezza e amorevolezza, con accoglienza e prudenza, con semplicità e serenità;
  • si sentono chiamate, come Maria di Magdala, per nome e inviate nell’ambiente in cui vivono per testimoniare con gioia che il Signore è Risorto. Sono nel mondo senza essere del mondo.

QUAL È  LO SCOPO

Vivere la loro giornata come un'incessante operazione apostolica nelle diverse forme di testimonianza e di servizio, sia nell'area familiare che in quella professionale e nella comunità, con occhio privilegiato ai giovani, che sono i più bisognosi dell'annuncio pasquale.

QUAL È L'ATTEGGIAMENTO DI FONDO

  • la preghiera come dialogo costante col Risorto per rispondere al Padre nello Spirito
  • la gioia pasquale vissuta nel quotidiano
  • l’apertura ad un umanesimo cristocentrico
  • l’impegno a partire sempre dal positivo e a sottolineare i punti di unione anziché di divisione
  • l’ autentica amicizia spirituale all'interno del gruppo
  • la fedeltà: a Cristo Risorto, alla Chiesa sua Sposa, al Movimento TR e alla propria vocazione